Weekend in Toscana, a misura di famiglia

La Toscana  per chi ama la natura, un ottimo vino rosso e la rinomata fiorentina,  è una delle mete super consigliate! In coppia, con gli amici e con la famiglia troverete sempre nuovi luoghi da scoprire.

Quando facciamo le nostre vacanze di Pasqua in Toscana, il tempo sembra fermarsi. Il profumo dei fiori gialli di ginestra che sprigionano il loro profumo di miele; le colline dai colori accesi e brillanti di tutte le sfumature del verde. Gli infiniti vigneti del Chianti; la cucina toscana, cosi ricca di piatti tipici: tradizioni tramandate di generazione in generazione da secoli.

 

 

Per un weekend di relax, potete scegliere un agriturismo in mezzo al nulla dalle parti di Bibbiena tra  bellissime colline mozzafiato e lunghi viali di oliveti. Se siete in coppia potete fare passeggiate al tramonto, corsi di cucina locali, visitare le cantine e degustare prelibatezze nei migliori ristoranti tipici della toscana.

Tutte le nostre cene, sono state fatte in agriturismo. Eravamo sperduti tra le colline ed avevo la cervicale messa davvero male, cosi abbiamo scelto di spostarci solo durante il giorno.

Se vi spostate verso Arezzo, troverete un centro storico molto bello e movimentato. Con bellissime chiese, piazze storiche e vicoli tutti da scoprire.

Arezzo, che ha dato i natali ad artisti come Petrarca, Masaccio, Piero della Francesca e Michelangelo, Giorgio Vasari e L’Aretino, è una città ricca di sorprese e storia. Le fiere antiquarie e la Giostra del Saracino, ma anche le numerose chiese e gli altri monumenti sono ottimi spunti per visitare questa splendida città.

Arezzo

Città etrusca, presidio romano, terra sottoposta alle pressioni delle invasioni barbariche, intorno all’anno 1000 Arezzo diventa libero comune: il potere, strettamente connesso con lo Stato Pontificio, viene inevitabilmente a scontrarsi sia con Siena che con Firenze, per finire, verso la fine del 1300, sotto la dominazione fiorentina. In epoca contemporanea, lo stop più brusco e violento alla sua crescita è segnato dalla seconda guerra mondiale, durante la quale il 60% della città fu distrutto. Dagli anni ’50 in poi, comunque, la città ha ripreso a crescere sia a livello demografico che economico.

Castello dei Conti Guidi

Poppi: castelli e antiche badie medioevali

A nord di Arezzo, in una delle più belle valli toscane, il Casentino, vedrete Poppi, una città murata medievale che sorge ai piedi del Castello dei Conti Guidi, progettato dagli architetti Di Cambio, fu prototipo per il famoso Palazzo Vecchio fiorentino.

In ottime condizioni e visitabile, questo complesso è circondato da mura merlate e da un profondo fossato. Al suo interno ha sede la Biblioteca Rilliana, dove sono custoditi preziosi manoscritti medievali. Uscendo dal castello, non si può perdere la Propositura dei Santi Marco e Lorenzo, del secolo XVIII, e l’oratorio della Madonna del Morbo, seicentesco, con una bellissima Madonna con Bambino di Filippino Lippi.

 

La Badia di San Fedele, è la chiesa più antica del borgo: risalente al secolo XI, ospita un crocifisso attribuito a Giotto e opere di Jacopo Ligozzi, Portelli, Davanzati, Morandini e Solosmeo. Si può concludere la visita con una passeggiata lungo le mura di cinta con lo sguardo libero di vagare sulla splendida campagna toscana lascerà un ultimo dolcissimo ricordo di questo piccolo ma bellissimo borgo.

fonte: http://www.intoscana.biz/castelli-nel-casentino-toscana/ 

 

 

 

Dove mangiare : 

Arezzo

Trattoria del Leone– la recensione di questa trattoria potete trovarla qui;  http://www.confortatemiconlemele.it/trattoria-del-leone-arezzo/

 

Bibbiena

Il Tirabusciò

Tirabusciò, il cavatappi: una tappa imperdibile per conoscere la gastronomia del casentino con un tocco tradizionale ma anche sofisticato : dalle patate rosse ai salumi, passando per la chianina, i funghi, i tartufi e i deliziosi tortelli di patate di cetica con ragù di maiale grigio del casentino.

 

Piatto da noi consigliato: tartare di chianina con giardiniera della casa e salsa all’aceto balsamico. E tortelli di patate di cetica con ragù di maiale grigio casentino – non ci crederete ma questo è stato scelto dalla mia nipotina di 2 anni, che ha leccato il piatto, quindi certamente consigliato da una buongustaia.

 

Indirizzo via Rosa Scoti 12, 52011 Bibbiena

Telefono +390575595474  Email info@tirabuscio.it

foto dal sito Il Tirabusciò

 

Borgo San Lorenzo – Firenze –

Gli Artisti Ristorante

Prima di tornare a casa , facciamo una pausa pranzo in questo palcoscenico degli artisti del gusto. Ottima la cipolla con fonduta di caprino e caviale di tartufo, che, se in menù, consiglio vivamente.

 

Nel Centro Storico di Borgo San Lorenzo
Piazza Angelo Romagnoli 1,
50032 Borgo San Lorenzo, FIRENZE

 

 

Dove dormire a Bibbiena

La collina delle Stelle

Un agriturismo in mezzo alla natura, con camere spaziose e pulite. Colazione con frutta, dolce e salata. Un’ottima zona relax, con vasca idromassagio, sauna e piscina. Buona anche la cucina se prendete mezza pensione o pensione intera.
Località Casanova, 63 – 52012 – Bibbiena(AR)
tel: 0575594806 – mail: info@lacollinadellestelle.it
foto dal sito La colline delle stelle
Se ti piace, condividi con gli amici
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

More from Thaise Bacelar

Patate Hasselback

Sono come le normali patate al forno, ma...
Read More

Lascia un commento