Su e giù per Lisbona

Su e giù per Lisbona.

Cosmopolita, colorata e calda.

Ho quasi fatto fatica a scrivere questo post, sì perchè Lisboa un po’ mi ricorda Salvador e mi viene saudade. Lisbona è un miscuglio di sensazioni ed emozioni. Mi perderei tutto il giorno tra le sue viuzze strette e i suoi colori.

Il nostro tour on the road portoghese “finisce” in questa metropoli, ma abbiamo ovviamente scoperto posticini dove potete scappare per una mezza giornata se Lisbona vi sembra troppo caotica.

Dopo il nostro giro nella parte nord del Portogallo, le energie scarseggiavano e  quindi abbiamo optato per scoprire alcuni dei luoghi un po’ più turistici che però, secondo noi, meritavano una visita almeno questa prima volta a Lisboa. Tanto sono sicura: ci torneremo!

 

 

Lisbona

 

Lisbona, capitale del Portogallo, città collinare, è romantica e malinconica, chiassosa e sognante. Potrete apprezzarne l’atmosfera, i monumenti,  la musica, le viste mozzafiato, la cucina.

Il consiglio è di goderla con lentezza, senza troppe tabelle di marcia o non ne apprezzerete appieno il fascino.

Iniziamo il nostro percorso con il mezzo di trasporto più famoso di Lisbona.

Un giro nel tram 28

Lisbona, è una città molto famosa per le sue storiche linee del tram.

Nessuno è più noto del n°28, che da decenni percorre le tortuose e ripide strade del quartiere di Alfama.

Durante il percorso, potrete vedere i quartieri più famosi della capitale, come ad esempio il Baixa, l’Alfama e il Barrio Alto.

Il tram parte da Largo Martim Moniz e arriva a Campo Ourique. Si tratta di un normale mezzo di trasporto per gli abitanti di Lisbona, ma è allo stesso tempo uno dei modi migliori per visitare i quartieri storici.

Alcun tips per salire sul tram 28.

Invece di prenderlo a Martim Moniz, come leggete nelle solite guide turistiche, provate a prenderlo nel quartiere Chiado. Se volete salire in Alfama dovrete prenderlo in Praça Luís de Camões dietro la statua e il chioschetto bar.

Se volete respirare un po’ di più, magari godendovi anche tranquillamente il vostro giro, prendetelo in direzione Estrela. In questo caso la fermata è proprio davanti l’uscita della metro Baixa-Chiado e del caffè Brasileira, in Largo do Chiado.

Assaporate il quartiere di ALFAMA

Cattedrale di Lisbona vista dal tram 28

Alfama è il bairro più antico della città ed è un must per chi decide di visitare Lisbona. Caratterizzato da strade e viuzze tortuose che una volta costituivano il famoso ​​quartiere dei pescatori. 

− Cattedrale di Lisbona

Non lontana dal suggestivo Castelo de São Jorge, nel cuore dell’Alfama, sorge l’imponente Cattedrale di Lisbona, affettuosamente chiamata Sé, dall’abbreviazione di Sé Patriarcal (sede vescovile), o Igreja de Santa Maria Maior. Principale luogo di culto cattolico nella città di Lisbona, è una maestosa chiesa romanica-gotica risalente al XII secolo, costruita sulle rovine di un’antica moschea per volontà di Dom Alfonso Henriques, primo re del Portogallo, e diventata il simbolo della riconquista cristiana.

− Terrazze panoramiche

I miradouro, o belvedere, sono elementi caratteristici di Lisbona, una città distribuita su vari livelli: dall’alto dei miradouros potete ammirare la città o uno scorcio panoramico.

Nell’Alfama ne potete trovare due: il Miradouro de Santa Luzia e il meno famoso Miradouro das Portas do Sol, un po’ più in alto.

Il Miradouro de Santa Luiza si trova accanto alla piccola cappella omonima e si affaccia sul fiume Tago, le antiche mura arabe e la distesa dei tetti dell’Alfama. È una terrazza piuttosto ampia, con aiuole, panchine e un portico dalle pareti decorate con coloratissimi azulejos.

−  Il fado

Una volta arrivati nel quartiere, una delle cose migliori da fare, è quella di godersi lo spettacolo dei musicisti (i più famosi sono vere e proprie star) di musica Fado. Anche se purtroppo non siamo riusciti a vederne nemmeno uno, non posso non citarli in questa mini guida per Lisbona.

Il Fado è la musica popolare portoghese, che spesso è suonata in pub, caffè e ristoranti. Questo genere musicale ha tradizioni molto antiche, sebbene sia fatto risalire al 1820.

 LXFACTORY

Dedicatevi alla scoperta del quartiere Alcantara e raggiungete uno dei posti più cool della città: LX Factory.

È nell’anno 1846 che la Società di Wiring e Fabricos Lisbonense, uno dei più importanti complessi industriali di Lisbona, si stabilisce ad Alcântara. Questa area industriale di 23.000 mq fu, negli anni successivi, occupata dalla Compagnia Industriale del Portogallo e Colonie, Tipografia Anuário Comercial de Portugal e Gráfica Mirandela.

Oggi, il vecchio complesso industriale abbandonato alle spalle del fiume Tago è stato riconvertito in un laboratorio creativo dove troverete locali, librerie, uffici, atelier e ristoranti di ogni tipo.

Il tutto decorato da splendide opere di street art.

 

Per info : https://lxfactory.com

 

Due chiese da visitare assolutamente

Sapete che ho una passione per le chiese??  Non so voi, ma io amo entrare e sedermi per qualche minuto per assorbire l’energia mistica che questi luoghi mi trasmettono.

Ecco le mie due  chiese preferite a Lisbona:

Chiesa di São Domingos

 

L’affascinante e misteriosa Chiesa di Santo Domingo fu costruita nel XIII secolo, ma il suo aspetto attuale risente delle numerose ristrutturazioni che ha subito nel corso del tempo.

L’interno testimonia ancora il grande incendio che la danneggiò gravemente nel 1959 e contribuisce a donarle un’atmosfera un po’ “inquietante” ma allo stesso tempo affascinante e che la caratterizza.

 

 

Ricchissima di storia, qui si celebrarono matrimoni e battesimi reali, incoronazioni e celebrazioni solenni. E’ tristemente famosa anche per le numerose sentenze emesse dalla Santa Inquisizione proprio in questo luogo.

 

 

 

Chiesa del Loreto

 

Igreja do Loreto, uno delle più belle di Lisbona secondo me. Ha un fascino mistico.

Situata in una zona nobile della città, in pieno quartiere Chiado, la Igreja do Loreto fu edificata nel 1518 anche se, in realtà, la prima edificazione della chiesa la si deve a Filippo Terzi, e solo in seguito, con la sua ultima ricostruzione di stampo neoclassico, fu firmata da José Costa e Silva.

Il terreno su cui si erge la chiesa fu acquistato dagli italiani e su di esso esisteva un antico eremo dedicato a Santo Antonio, della fine del XV secolo.

 

 

Andare al Terreiro do Paço

La più grande piazza di Lisbona e anche una delle più emblematiche, simbolo della città e della ricostruzione dopo il grande terremoto del 1755.

Al giorno d’oggi, è soprattutto uno spazio molto piacevole per passeggiare sulla riva del fiume, magari all’ora del tramonto.

Visitare l’Oceanário, nel Parque das Nações

Se avete tempo, fate un salto all’Oceanario di Lisboa, il piu grande d’Europa. Vi garantisco che non è solo una gita da fare con i bambini.

Il Parque das Nações è un caso di successo di recupero di un’area industriale dismessa, in una splendida posizione in riva al fiume Tago.

Progettato per attirare l’attenzione sulla grave minaccia che incombe sulla salute degli oceani – INQUINAMENTOquesto acquario gigante è stato progettato dall’architetto americano Peter Chermayeff.
Con l’obiettivo di sensibilizzare il pubblico sul rischio di sovrasfruttamento delle risorse, della terra e del mare e dell’importanza della conservazione degli oceani, l’Oceanarium ha arricchito l’offerta culturale ed educativa del paese, facendo sì che il collegamento tra Lisbona e l’oceano permanga.

Al suo interno, più di 7.000 mc di acqua salata mostrano che sulla Terra, dopo tutto, c’è solo un grande Oceano, aperto e libero, attraverso il quale circolano migliaia di specie animali.

Qui potrete camminare fianco a fianco con il pesce palla e potrete guardare negli occhi i grandi squali.

 

Per altre info prezzi e orari: https://www.oceanario.pt/en/visit/tickets/

 

 

 

 Visitare il Mosteiro dos Jerónimos e la Torre de Belém

Lisbona possiede questi due monumenti unici che sono stati classificati Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Sono due perle del gotico manuelino che impressionano tutti i visitatori.

Le volte scolpite in pietra sono un’ammirevole opera d’ingegneria, e la ricchezza della decorazione ispirata alla vita marina e ai viaggi dei navigatori è affascinante.

 

Attraversare il Ponte 25 de April

Affittate una macchina e fate una gita fuori porta, approfittate per attraversare il ponte sospeso più lungo d’Europa.

Con 2.277 metri di lunghezza, il Ponte 25 de Abril  fu il primo ponte di Lisbona. Ha due differenti altezze, con un piano superiore per le automobili e l’inferiore, aggiunto nel 1999, per i treni.

Dopo 45 mesi di lavori di costruzione, il Ponte 25 de Abril fu aperto al traffico il 6 agosto 1966, con il nome di ponte Salazar. Conclusa la Rivoluzione dei Garofani del 25 aprile 1974 assunse il suo nome attuale. Per la sua somiglianza e per essere stato fabbricato dalla stessa impresa, spesso viene accostato al Golden Gate di San Francisco.

 

 

 

 

Dintorni di Lisbona

 

Quercia del Sughero

Abbiamo attraversato lunghissime piantagioni di alberi da quercia del sughero,

Non c’è nulla di più ecologico, naturale e morbido. Mantiene il freddo e anche il caldo quando è necessario, e viene usato per rendere gli ambienti più confortevoli e accoglienti.

Il sughero è uno dei prodotti naturali più caratteristici del Portogallo ed è parte del nostro quotidiano anche se non ce ne rendiamo conto.

I tappi delle bottiglie di vino sono l’oggetto più conosciuto, ma esistono molti altri articoli in sughero, tra cui: accessori di moda, vestiti e scarpe, mobili e rivestimenti per il pavimento o le pareti. L’invenzione recente del tessuto di sughero ha rivoluzionato questa industria e dato luce alle sue proprietà tanto apprezzate: è resistente, versatile, riciclabile, ipoallergenico e ha qualità termiche e acustiche. Oltre a questo, ha un processo di trasformazione che rende semplice la sua lavorazione.

Il Portogallo è il principale produttore mondiale di sughero, responsabile di più del 60% del volume delle esportazioni mondiali, e ha un’area di querce da sughero corrispondente al 25% di quella esistente in tutto il mondo. Per questo, quando visitate il Portogallo, soprattutto l’Algarve, vedrete come le querce da sughero sono uno degli alberi più comuni nel paesaggio.

Reserva Natural do Estuàrio do Sado

Il fiume Sado nasce sulla Serra da Vigia, nelle vicinanze di Beja, e percorre le pianure dell’Alentejo per 180 km in direzione nord, sfociando in prossimità di Setúbal.

Il suo estuario si forma vicino ad Alcácer do Sal, zona umida particolarmente fertile, il cui paesaggio è contraddistinto da risaie, coltivate a terrazza, e dai nidi delle cicogne bianche, appollaiate sui campanili delle chiese o sui pali dell’elettricità. Questo elegante uccello sceglie infatti sempre i luoghi più alti per nidificare ed è una delle oltre 200 specie di volatili che si rifugiano nell’Estuario del Sado, dichiarato per questo Riserva Naturale e zona di protezione speciale.

I delfini sono il simbolo della Riserva e si contraddistinguono per la loro simpatia. In Europa, vederli nuotare liberamente nel loro habitat naturale è raro, ma nel fiume Sado vive un’importante colonia di roazes-corvineiros (letteralmente, roditori di corvine), così chiamati dai pescatori per la loro abitudine di rompere le reti da pesca e alimentarsi principalmente di corvine di scoglio.

 

Per una gita

Cabo da Roca

 

Aqui …onde a terra se acaba e o mar começa  – Camoes

Selvatica, magnifica e molto turistica Cabo da Roca (Capo di Roccia) è un patrimonio a picco sul mare alto 150m,  affacciato sulle acque fredde e impetuose dell’oceano.

E’ il punto più occidentale d’Europa, mi sembra un luogo splendido per ammirare il tramonto, peccato essere venuti la mattina e con un tempo non molto bello e super ventoso.

Cascais

Il suo nome è legato al mare, Cascais, infatti, significa “monte di molluschi”. La cittadina fu conquistata dagli arabi e passò poi nelle mani dei re portoghesi nel XII secolo, epoca in cui era appena un piccolo villaggio di pescatori.

Dobbiamo attendere il XIV secolo per la sua nomina a città per ordine del re D. Pedro I e il figlio D. Fernando, nel 1370, per innalzarla a provincia.

Oggi è tappa turistica fissa per chi viene a Lisbona per almeno 3 o 4 giorni: sia per la sua vicinanza alla capitale, sia per il suo fascino marino, non dobbiamo dimenticare poi che è qui che possiamo toccare l’Oceano Atlantico.

 

 

 

 

 

 

 

Se ti piace, condividi con gli amici
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You May Also Like

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: