Sinclair Lewis’ s Christmas cookies

Questi biscotti sono sublimi.

Ho riadattato una ricetta molto antica che è diventata famosa perché è stata scritta da Sinclair Lewis,  che vinse il Premio Pulitzer nel 1926 — che rifiutò — per Arrowsmith.

Ottimi come regalo per gli amici amanti del cioccolato. Questi biscotti sono resi ancora più sfiziosi dal profumo caldo e festoso del Bourbon, che io amo. Le mandorle, poi, regalano una croccantezza  straordinaria.

Una bella scatola vintage darà il tocco finale per conquistare di certo chi li riceverà.

Ormai manca davvero pochissimo al Natale, -4 al countdown, e io sono una matta che corre su e giù per la cucina sfornando biscotti in continuazione.

Ma la delizia di questi giorni è che la casa si riempie di profumi di cannella, vaniglia, zucchero caramellato e burro che avvolgono tutto e tutti con amore.

 

 

Per 24 biscotti

 

  • 110 g di burro a temperatura ambiente
  • 150 g di zucchero mascavo
  • 1 uovo
  • 150 g di farina 00
  • un pizzico di sale
  • 1 cucchiaio di cacao amaro in polvere
  • 1 cucchiaio di Bourbon o latte
  • 10 g di mandorle pelata, tritate grossolanamente

 

  1. Con una frusta elettrica montante il burro, finche diventa un composto spumoso e soffice. Aggiungete  l’uovo e il Bourbon. Mescolate bene con la frusta o con un cucchiaio di legno.
  2. Setacciate la farina insieme al cacao ed al sale. Aggiungete al composto (n.1), mescolate e aggiungete le mandorle tritate al coltello grossolanamente.
  3. Con il composto, formate delle palline grandi come una noce. Disponeteli in una teglia coperta da carta da forno, separati tra di loro in modo che non si uniscano in cottura.
  4. Preriscaldate  il forno a 160°C e cuocete per 12 -15 minuti.
  5. Si conservano per 4 giorni in una latta per biscotti. Se congelati, si conservano per 1 mese.
  6. Spolverateli con del cacao in polvere prima di servirli.

Se ti piace, condividi con gli amici
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
More from Thaise Bacelar

Dacquoise – Le ricette di Ruth –

“C’era un tempo, nei anni Settanta, in cui...
Read More

Lascia un commento