Risotto con topinambur, noci brasiliane e acciughe

Come ormai già sapete, amo i risotti.

Questo risotto ha come ingrediente principale uno dei protagonisti delle tavole piemontesi: il topinambur.

La delicatezza del topinambur si sposa perfettamente con la sapidità delle acciughe e la croccantezza delle noci brasiliane, il mio tocco in questo risotto “nordico”. Un primo piatto delizioso e completo, comfort food per le giornate o le sere più fredde di questo inizio inverno.

 

 

 

risotto topinambur

 

Per 2 persone

Ingredienti

  • 160 g di riso carnaroli
  • 1/2 cipolla bianca
  • 80 g di topinambur
  • 1 l di acqua o brodo vegetale
  • 2 cucchiai d’olio d’oliva
  • 4 acciughe sott’olio
  • 30 g di burro freddo
  • 50 g di parmigiano
  • 1 cucchiaino di prezzemolo

 

 

risotto topinambur

 

Portate sul fuoco un pentolino con dell’acqua e fatela sobbollire.

Tagliate la cipolla finemente a concassè.

Lavate i topinambur e, con l’aiuto di un coltellino, togliete la buccia e tagliateli a concasse’.

In una pentola scaldate un filo d’olio, aggiungete il topinambur e la cipolla e fatela stufare finche non diventa trasparente.

Aggiungete il riso e, mescolando di tanto in tanto, lasciatelo tostare finchè i chicchi non diventano lucidi. Sfumate con il vino facendolo evaporare completamente.

Aggiungete l’acqua coprendo il riso e ripetete l’operazione mano a mano che il liquido si riassorbe. Fate cuocere per circa 18 minuti (il tempo varia a seconda della qualità di riso utilizzato), mescolando di tanto in tanto.

Spegnete il fuoco, aggiungete il burro freddo da frigo e il parmigiano. Mantecatelo bene per amalgamare il tutto.  Lasciate riposare con il coperchio chiuso per 2 minuti in modo da permettere  all’amido di concentrarsi.

Prima di servire adagiate sul risotto due filetti di acciuga interi per ciascun piatto.

 

 

 

 

Se ti piace, condividi con gli amici
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
More from Thaise Bacelar

Palermo in 48 ore – SICILIA on the road –

Questo è il quinto e ultimo post del...
Read More

Lascia un commento