Polletto ruspante al profumo di Citrons Confit feat. Nick

Più che una ricetta sono dei meravigliosi consigli che Nick ci rivela per preparare un polletto, succulento e profumatissimo, al Citrons Confits!

Seguiteci in cucina, vi assicuro che non ve ne pentirete!

 

 

Per 2 persone

  • 1 pollo piccolo di circa 500 g
  • 3 spicchi grandi d’aglio
  • buccia di 1 limone Citrons Confits
  • 3 rametti di rosmarino
  • timo fresco
  • 6 foglie di salvia
  • sale con fiori di montagna
  • 80 g di burro chiarificato
  • 6 carote

  1. Preriscaldate il forno a 180°C.
  2. Togliete il polletto almeno 30 minuti prima dal frigo. Lavatelo e togliete tutte le interiora rimaste, asciugatelo con la carta assorbente da cucina. Massaggiatelo con il sale e pepe.
  3. Con le dita (oppure aiutandovi con un cucchiaio) sollevate tutta la pelle del pollo staccandola dalla carne ma facendo attenzione a non romperla (questo consentirà alla carne di rimanere morbida e alla pelle di diventare croccante.
  4. Con il burro chiarificato fate una pasta con il timo e il rosmarino tritato. Cospargetelo con delicatezza tra il petto e la pelle.
  5. Lavate il limone citron, e togliete la scorza facendo attenzione a non usare la parte bianca. Farcite il polletto, aggiungendo 3 spicchi d’aglio in camicia e le erbe aromatiche. Inserite due scorze del limone citron e qualche granello di sale grosso anche tra il petto e la pelle.
  6. Portate in forno e, ogni 10-15 minuti, spennellate bene la superficie del polletto con il burro rimasto.
  7. Terminata la cottura (45 minuti circa) alzando leggermente la temperatura del forno per gli ultimi 5 minuti in modo da dare la croccantezza finale alla pelle.
  8. Togliete il polletto dal forno e lasciatelo riposare per qualche minuto. Tagliatelo con l’aiuto di una forbice per pollame, e servite con carote arrostite profumate al timo.
Se ti piace, condividi con gli amici
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
More from Thaise Bacelar

Feijoada – Ricetta Originale-

Olà amici! Forse, avete capito che siamo off...
Read More

Lascia un commento