ITALIAN COOKING COURSE by COOKiamo Cooking School

Qualche mese fa, prima di partire per la stagione estiva in montagna, ho avuto l’onore di insegnare per venti stranieri che volevano imparare un po’ di cucina italiana.

Al mio fianco c’era anche Chiara Canzian ed insieme ci siamo divertite ad insegnare quattro piatti tipici italiani.

Pasta e fagioli (abbiamo preparato la pasta fresca insieme ai nostri ospiti), Risotto alla milanese, Tiramisù e Sarde in Saor.

Eravamo una bellissima squadra di cinque donne. Organizzatrice di questo e di molti altri corsi: Giorgia Sarra di COOKiamo.

Roberta Ziero, sommelier professionista. Che con la sua magnifica precisione nell’abbinare vino e cibo, come solo lei sa fare. Se volete trovarla, andate alla La Dame Rouge  il cui nome vuole richiamare l’atmosfera delle bottiglierie e dei bistrot parigini degli anni ’50.  Nei 30 metri quadri della bottiglieria trovano spazio circa 250 etichette tra vini, birre e distillati attentamente selezionati, oltre che una proposta di cioccolato, olii extravergine DOP, aceti balsamici di qualità.

Come traduttrice la  bravissima Marta Sillicchia, che  insieme alla sua mamma gestisce un bellissimo negozio CONTE Idee di Stile: casalinghi di design nel centro di Treviso con pezzi ricercati e davvero graziosi.

Come spazio creativo :  InOfficina, un oasi per chi, come me, è amante dell’arte, del design, dei corsi di cucina e dei workshop con artigiani di tutta l’Italia.

Con questi spunti, vi lascio la ricetta delle Sarde in Saòr.

IMG_2375

Sarde in Saor

 

Un antipasto povero ma molto gustoso della cucina veneziana, si parla di una terrina di sarde impanate e fritte che vengono messe a riposo con le cipolle cotte nel aceto di vino e nel vino bianco.

Il saor è una tecnica antica dei naviganti che, nell’antichità, consentiva di conservare il pesce sulle navi per un lungo periodo. Utilizzando questa particolare preparazione, si riusciva a mantenere il pesce fritto ottimo per più giorni. Le sarde in saor, infatti, sono molto più gustose e saporite se lasciate riposare ventiquattro ore in frigo.

Oggi, possiamo azzardare ad abbinare il saor per diverse preparazioni: ottimo con i gamberi e, per i vegetariani, con il seitan.

 

IMG_2288

Per 4 persone

Ingredienti

  • 1kg di sarde
  • 1 bicchieri di vino bianco secco
  • 1 bicchieri di aceto di vino bianco
  • olio extravergine di oliva
  • 1kg di cipolle bianche di Chioggia
  • 50 g di pinoli
  • 50 g di uvetta
  • sale
  • pepe nero in grani
  • olio di semi di arachidi per friggere
  • farina q.b. per impanare le sarde

Preparazione

Tagliate le cipolle a fettine sottili e versatele in un tegame, in cui avrete precedentemente scaldato l’olio e.v.0, facendole imbiondire a fuoco lento. Aggiungete il vino, l’aceto, sale e pepe e lasciate sul fuoco fino ad evaporazione.

Pulite le sarde, togliendo loro la testa, le interiora e le squame. Lavatele, asciugatele, infarinatele e friggetele in olio bollente, lasciandole morbide. Asciugatele su carta assorbente e salatele.

Sistemate uno strato di sarde in una pirofila di vetro e copritele con le cipolle e continuate fino ad esaurimento degli ingredienti.

Prima di servire lasciate riposare per almeno due giorni in un luogo fresco.

Nella stagione fredda, potete preparare la marinatura anche con uvetta e pinoli, che vanno ammollati  per un’ora in vino bianco e aggiunti qualche minuto prima di terminare la cottura. Potete anche arricchire il saòr con cannella e zucchero.

 

Curiosità

A Venezia gli ebrei osservanti cucinano il venerdì il saòr per consumarlo il sabato, utilizzando le sogliole. Queste sono infarinate e fritte nel olio caldo; a parte si prepara la salsa facendo imbiondire in olio abbondante una cipolla affettata finemente e unendo poi aceto, vino bianco, uva passa, pinoli, sale; si fa alzare il bollore e si versa sul pesce.

Si possono preparare in saor anche gli sgombri, le acciughe, le anguille e i gô (ghiozzi).

 

Vino da abbinare, scelto dalla sommelier Roberta Ziero

Manzoni Bianco– Ida Agnoletti Farm (Veneto)

Se ti piace, condividi con gli amici
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
More from Thaise Bacelar

Guacamole con tomate confit

L’altra settimana una mia amica mi ha chiesto...
Read More

Lascia un commento