Cioccolata in tazza da regalare

Cioccolata in tazza da regalare o da tenere sempre a portata di mano.

State ancora pensando al regalo per l’amica più golosa? Ecco un’altra idea fai da te davvero facile ma d’effetto .

Chi, in questo freddo invernale, non ama coccolarsi con questo dolce piacere?

Io amo la cioccolata nei pomeriggi domenicali, mentre guardiamo gli ultimi episodi della nostra serie preferita su Netflix.

Un bel barattolo, qualche fiocco, un’etichetta e, se volete, anche una bella tazza con qualche marshmallow dentro. Sarà sicuramente un dolce pensiero da parte vostra.

 

 La storia della cioccolata calda

La ricetta originale della cioccolata calda era una miscela di cacao, acqua, vino e vari tipi di spezie. Gli spagnoli cominciarono presto a riscaldare la miscela ed a dolcificarla con lo zucchero, che importavano dalle colonie dopo avere introdotto la coltivazione della canna da zucchero oltre oceano (la disponibilità di zucchero, cacao e caffè diede un notevole impulso all’arte culinaria, permettendo la nascita della pasticceria europea come arte autonoma). Furono i britannici ad avere l’idea di sostituire l’acqua con il latte e di consumare la “hot chocolate” dopo pranzo.

Nel XVIII secolo nacquero a Londra ed in varie zone dell’Inghilterra le chocolate house, che divennero celebri almeno quanto le coffee house: in questi luoghi i clienti potevano consumare liberamente una tazza di cioccolata calda e parlare senza censura di politica, economia, scienza e filosofia. La prima “Casa del Cioccolato” nacque proprio nella capitale londinese nel 1657, ma a causa del suo costo eccessivo la cioccolata calda fu per più di un secolo una bevanda rivolta esclusivamente all’élite della società. Il termine “cioccolata calda” è stato coniato probabilmente in Italia molto tempo dopo: inizialmente la bevanda era chiamata semplicemente cioccolata.

Quando però si diffusero le tavolette di cioccolato, vendute soprattutto nei bar, fu chiaro che bisognava aggiungere un aggettivo alla cioccolata liquida per distinguerla da quella solida. Nel 1828 nacque nei Paesi Bassi la prima macchinetta che produceva la cioccolata calda tramite un dischetto di plastica contenente cacao, acqua e latte che veniva filtrato meccanicamente. La fragranza della bevanda uscita dalla macchinetta era però diversa da quella originale, in quanto più acida. Si scoprì poco dopo che i progettisti della macchinetta avevano usato surrogato di cacao, che era meno gustoso rispetto al cacao originale ma che si legava più facilmente al latte e all’acqua calda.

Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Cioccolata_calda

Cioccolata in tazza - preparato da regalare
Tempo di Preparazione
10 min
Cottura
10 min
Tempo totale
20 min
 
Adatta le portate: 10 persone
Autore: Thaise Bacelar
Ingredienti
  • 80 g di cacao in polvere
  • 25 g di amido di mais
  • 25 g di zucchero canna
  • 1/2 cucchiaio di zucchero a velo vanigliato
  • 1/2 cucchiaio di cannella in polvere
  • 1/2 cucchiaio di zenzero in polvere
  • 1/2 cucchiaio di cardamomo in polvere
  • 1/4 cucchiaio di noce moscata grattugiata
Preparazione
  1. Mescolate tutti gli ingredienti in un barattolo. 

  2. Quando volete fare una tazza di cioccolata calda, mettete 100 ml di latte per 2 cucchiai di preparato (il mio consiglio è di aggiungere il latte al preparato poco alla volta in modo da evitare i grumi). Cuocete per 3 minuti dopo aver raggiunto il bollore. Servite con marshmallows e biscotti al burro. 

Se ti piace, condividi con gli amici
  • 4
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  

Lascia un commento

You May Also Like

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: