Chips di manioca

Veloce,veloce da fare….
Chips de manioca la mia scelta per una golosa porzione di finger food, preferita in assoluto!!!
La radice di manioca può essere cucinata in una grande varietà di modi, molti dei quali identici a quelli impiegati per le patate.
La si può mangiare bollita, eventualmente schiacciata in forma di purè; dopo la bollitura o la cottura a vapore può essere affettata o ridotta in piccoli pezzi e fritta come le patatine o arrostita come le patate al forno… Ricordando che non potete mangiare la manioca crude ,alcune radice sono venelosa,deve essere prima cotta.
I piatti tipici brasiliani in cui si impiega la manioca (qui chiamata mandioca, macaxeira o aipim a seconda delle zone) sono moltissimi: dalla vaca atolada (un bollito di carne e manioca) al pirão (pezzetti di pesce cotti nella farina di manioca, farinha de mandioca), al pão de queijo qui (un pane al formaggio); cotta da sola, la farina di manioca viene chiamata farofa, e costituisce uno degli elementi principali dell’alimentazione quotidiana del brasiliano medio. Sempre in Brasile la manioca bollita viene usata per fare un budino dolce molto popolare e così via.
Provate !!

Servirà:
  • 2 belle radice di manioca
  • olio per friggere
  • sale
Prima togliete la buccia marrone,fatte un segno profondo ed apra per intera,esci facilmente . Lavate la manioca,tagliate nel modo che preferite,io ho tagliato a “chipsmcdonald”, anche in roderle fine va benissimo.Mettete nella acqua e portate al frigo per un po,cosi diventa croccante, passato il tempo togliete l’acqua e fatte bollire la manioca per 25 min circa. Dopo che vedete la manioca più tenera,togliete scolate e fatte riposare per togliersi un d’acqua de cottura.Fatte scaldare l’olio,ben caldo,buttate con attenzione la manioca,poco a poco,dorate,togliete, e fatte assorbire un po l’olio nella carta.
Se ti piace, condividi con gli amici
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
More from Confortatemi con le Mele

Tempura di gamberoni su crema verde e saor di cipolla di Tropea

Un’altra ricettina che viene dal chef Martino di...
Read More

Lascia un commento