5 erbe aromatiche da tenere sempre in casa

5 erbe aromatiche da tenere sempre in casa.

Nel giardino della mia nonna non mancavano mai le erbe aromatiche che venivano sapientemente utilizzate per insaporire molte pietanze.

Mi ricordo, come se fosse ieri, il nostro orticello pieno di erbe aromatiche: siepi di rosmarino (per noi “alecrim”) regalavano in primavera bellissime fioriture blu e lilla.

Un’altro ricordo che ho di quanto ero piccola siamo io e le mie cugine che ci strofinavamo la salvia sui denti per averli sempre bianchi e l’alloro per curare qualsiasi problema di pancia.

Vi confesso che alcuni intrugli non erano per niente gustosi, ma funzionavano per davvero! Curarsi con la medicina naturale era quello che a nonna Maria piaceva di più: questa passione le era stata tramandata dalla sua mamma, e ora è passata a me.

Nel mio giardino ho una aiuola con le mie erbe aromatiche preferite: erba pepe (santoreggia), menta, alloro, rosmarino, origano, erba cipollina, maggiorana, timo, e moltissime altre.

Così ho scelto le 5 erbe aromatiche che, secondo me, dovete assolutamente tenere in casa vostra!

 

 

Alloro

Alloro – foto web

 

Utile in caso di disturbi allo stomaco, coliche e per curare la febbre. Le foglie e le bacche contengono un olio essenziale con proprietà aperitive, digestive e carminative.

Viene pertanto impiegato per alleviare coliche, favorire la digestione e in presenza di meteorismo e aerofagia. Sia le foglie che le bacche esercitano azione diaforetica (utile per stimolare la sudorazione) in caso di febbre e stati influenzali ed espettorante, quindi sono utili per eliminare il catarro bronchiale.

Per uso esterno, le bacche fresche sono utilizzate per preparare l’olio laurinato, con effetto antinfiammatorio, efficace per reumatismi, artrite, dolori muscolari o per facilitare la ripresa dell’uso delle articolazioni dopo un’ingessatura o traumi di varia natura.

 

 

 

Rosmarino

Rosmarino – foto web

 

E’ un eccellente tonico celebrale. In caso di stanchezza, affaticamento e difficoltà di concentrazione, si consiglia un infuso di rosmarino da consumare tutti i giorni.

Calma i reumatismi e il torcicollo: preparare un cataplasma di fiori di rosmarino (decotto caldo) o di foglie è utile nelle patologie del fegato e della colecisti in generale. Possiede inoltre spiccate proprietà digestive e carminative, che favoriscono l’espulsione dei gas intestinali.

Attenzione però, un abuso di rosmarino determina effetti pericolosi sull’organismo: sono possibili disturbi gastrointestinale e alle vie urinarie; può risultare anche convulsivante e causare insonnia. Sconsigliato l’uso in gravidanza a causa della sua azione stimolante a livello uterino.

 

 

Salvia

Salvia – foto web

 

Il nome latino, Salvia officinalis, significa “pianta che salva”. E’ una pianta conosciuta fin dall’antichità per le sue proprietà salutari: alcuni popoli credevano che addirittura potesse resuscitare i morti se veniva usata durante i riti magici.

Il tè di Provenza, un infuso di salvia usato dopo pasti abbondanti, agisce da stimolante e, se consumato dopo il pasto, o prima di andare a letto la sera, calma e rilassa le persone ansiose.

Ha effetto diuretico, antisettico, colagogo (agevola la produzione e l’escrezione della bile), e calma le vampate di calore tipiche della menopausa. Le foglie fresche strofinate sui denti hanno un effetto sbiancante.

Origano

Oregano (Origanum vulgare) illustration from Medical Botany (1836) by John Stephenson and James Morss Churchill.

E’ un vero e proprio medicinale naturale.

Contiene fenoli, vitamine e sali minerali (ferro, potassio, manganese, calcio). Le qualità dell’origano derivano sopratutto dall’azione analgesica e stimolante sul sistema nervoso.

L’infuso di origano è consigliato in caso di raffreddore, tosse, bronchite, tracheite, cefalea.

Il cataplasma fatto con le cime fiorite e scaldate a vapore, può essere utile in caso di torcicollo e di dolori articolari al collo. Sembra che l’essenza di origano, mista alla lanolina, sia un rimedio efficace contro la cellulite.

 

Menta

Menta – foto web

 

E’ un’erba  aromatica perenne e resistente. Contiene mentolo, vitamina C, sostanza antibiotiche, limonene e isovalerianato.

Leggermente afrodisiaca, se usata per fare infuso combatte ogni tipo di dolore, specialmente le emicranie recidivanti.

La medicina araba le utilizza per infusi e inalazioni per curare i disturbi respiratori. Ha virtù digestive, toniche, carminative (favorisce l’espulsione di gas intestinali), vermifughe.

Se consumata cruda, è un ottimo condimento per piatti di formaggio, per insalate, macedonie e cocktail.

Se ti piace, condividi con gli amici
  • 29
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

You May Also Like

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: