Palermo in 48 ore – SICILIA on the road –

Questo è il quinto e ultimo post del nostro tour on the road della Sicilia. Siamo a Palermo, nel cuore del capoluogo siciliano.

Palermo è una città che bisogna imparare a guardare con un occhio diverso rispetto a quello a cui si è abituati. E’ una città viva, rumorosa e, a volte, non per colpa sua, un po’ antipatica. Ma se siete pazienti la prima impressione svanisce dopo qualche passo nel suo centro storico pieno di storia e racconti di un popolo forgiato da uno dei primi veri melting pot culturali della storia.

A Palermo, bisogna imparare a guardare in alto. Vi accorgerete dei suoi bellissimi palazzi normanni, delle cupole rosse delle antiche moschee arabe, del magnifico ed imponente incrocio tra Via Maqueda e Via Vittorio Emanuele che collega il vecchio centro storico al porto. La fontana Pretoria con la sua maestosità con le sue ninfe e nudi.

Ogni palazzo, vicolo, monumento racconta un affascinante pezzo di storia.

 

Il trafficato e affollato incrocio tra Via Vittorio Emanuele e Via Maqueda, conosciuto con il nome di Quattro Canti, è circondato da facciate curvilinee che salgono in un perfetto prospettico verso la volta azzurra del cielo; a Palermo viene chiamato anche ‘il teatro del sole’ per l’insolito effetto prodotto dalla luce che illumina le finestre dei vari edifici nel corso della giornata.

 

fontana

 

La Piazza Pretoria è uno dei punti di riferimento principali di Palermo. Con i suoi realistici nudi la fontana suscitò la reazione scandalizzata dei fedeli siciliani, che la ribattezzarono la Fontana della vergogna. La fontana è stata progettata dallo scultore fiorentino Francesco Camilliani tra il 1554 e il 1555 per la villa toscana di don Pedro di Toledo, e fu acquistata dalla città di Palermo nel 1573 per essere collocata di fronte al Palazzo Pretorio.

 

 

Mercato del Capo 

 

Il mercato del Capo che si estende nell’intrico di vicoli e viuzze dei quartiere dell’Alberghiera e del Capo, è il più suggestivo. Qui vedrete bancarelle colme di frutta e verdure di stagione, mani esperte che affettano tonni luccicanti, pesce spada e acciughe. Lunghe file di ordinate bancarelle   espongono formaggi, vasi colmi di grosse olive, mazzi di origano essiccati che profumano dell’estate appena finita.

Mercato della Vucciria

 

Il mercato della Vucciria è il più dimesso dei tre, con un’atmosfera popolare, carretti ambulanti che vendono stuzzichini, qualche bancarella di frutta e verdura. Vecchie cose che qualche anziano commerciante prova a (ri)vendere.

 

Street food

 

Palermo è famosa anche per il suo cibo di strada.

 

 

I Cuochini –  se venite a Palermo non potete assolutamente perdere i Re dello street food palermitano. Arancina al burro, frittelle, panzanella, pane e panelle, pizzette . . . dovete soltanto decidere quanti pezzi volete a testa e il vostro vassoio sarà misurato a dovere.

Via Ruggero Settimo, 68 | 90141 – Palermo | Tel : 091 581158 | www.icuochini.com |email:c.cigno@tin.it

 

Eat e drink

 

Gaia  – Appena arrivati in albergo eravamo affamati. Visto che erano già le 15.00 , i ragazzi della reception ci hanno consigliato questo ristorante molto alla mano per pranzi veloci ma di qualità. Qui ho preso il tris di caponata- mela, melanzane e pesce spada. Sensazionale: la migliore caponata che ho assaggiato in tutta la Sicilia. Per lui, pesce spada ai ferri, cottura perfetta. Servizio veloce e ottimo rapporto qualità/prezzo.

 

 

 

Sapori Perduti – questo piccolo e accogliente ristorante ci ha davvero sorpreso. Pochi coperti. Cucina tradizionale siciliana ma rivisitata con lo sguardo ai tempi moderni. Delizioso il tortino di carciofi, coluis di pomodorini Pacchino, cialda di parmigiano e gocce di basilico come pure gli gnocchi alla carbonara e la tagliata con sale nero. Per finire non potevo non assaggiare il cannolo scomposto, decisamente molto buono.

Via Principe di Belmonte , 32 – 90139 Palermo – TEL: 091327387

 

 

 

Drink : se dopo cena volete  fare una chiacchierata davanti a buon drink dovete andate nel centro di Palermo per trovare locali molto alla moda e ben frequentati.

Dove dormire

Hotel Artemisia – camere spaziose , confortabile e staff cortese e molto disponibile. Anche se molto piccola, la sala colazione è bene attrezzata e la colazione in se, sia dolce che salata con  frutte, succhi, bar caffè fatto al momento, è molto ricca e appetitosa.

Via Roma 499 | 90139 Palermon- Tel: 0917790874 | www.artemisiapalacehotel.it

 

 

 

[…] hai visto le generose
montagne siciliane coperte da vigneti.
Hai bevuto a Messina, a Palermo e sull’Etna;
Catania ti ha riempito il calice.

(Jan Andrzej Morsztyn, “Georgiche”, 1643-1644)

Stampa
More from Thaise Bacelar

Lo Scalda Cuore di Babbo Natale – Whiskey Cream home made –

Natale è quasi alle porte, ormai manca veramente...
Read More

Lascia un commento